MENU

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE
DEL NOTARIATO

Il Consiglio Notarile di Torino e Banca d’Italia presentano la Guida “Conoscere per proteggersi”. Per promuovere l’alfabetizzazione giuridico-economica delle donne in condizione di fragilità e contribuire a prevenire il fenomeno della violenza economica

RSS

Territoriale

Torino, 25/05/2023. La scelta tra comunione legale e separazione dei beni o quella tra status o contratto di convivenza; sapere qual è l’utilità di un fondo patrimoniale; conoscere le responsabilità verso i figli da parte di genitori sposati e di quelli non sposati; imparare come sottoscrivere un contratto di locazione, un compromesso o un atto di compravendita di un immobile e a cosa prestare attenzione; saper distinguere le procure generali da quelle speciali e i relativi poteri di rappresentanza per chi le sottoscrive. E ancora i diritti e le differenze tra testamento pubblico, testamento segreto, testamento olografo e testamento biologico, tra impresa familiare, società di persone, di capitali o cooperative e tra mutuo, ipoteca, fideiussione.

Sono solo alcune delle tematiche che vengono affrontate e spiegate in modo comprensibile a tutti nella Guida “Conoscere per proteggersi”, elaborata dalla Commissione Pari Opportunità del Consiglio Nazionale del Notariato, che verrà presentata martedì 30 maggio alle ore 15.00 presso la sede del Notariato torinese, in Via Antonio Bertola 40 in un incontro pubblico promosso dal Consiglio Notarile dei Distretti riuniti di Torino e Pinerolo, in collaborazione con la sede di Torino di Banca d’Italia.

Importanti e molto attuali le finalità dell’appuntamento di Torino: promuovere lo sviluppo dell’educazione finanziaria delle donne prive di adeguati livelli di cultura finanziaria o in condizione di fragilità economica per realizzare una piena, autentica e soddisfacente autonomia, e contribuire a prevenire il fenomeno della violenza economica, un problema subdolo e poco visibile rispetto alla violenza fisica, ma altrettanto invalidante. La Guida infatti fornisce alle donne strumenti di conoscenza per prevenire gli abusi, agevolare la partecipazione al mondo del lavoro e contribuire a realizzare una vera parità di genere, attraverso nozioni semplici, da approfondire eventualmente in un colloquio con il notaio.

Cos’è e come si manifesta la violenza economica

Secondo l’Istat, il 37,8% delle donne che si rivolgono a un centro antiviolenza in Italia lo fanno per casi di violenza economica. Inoltre, una ricerca condotta da Episteme dal titolo “Le donne e la gestione famigliare” ha registrato che quasi il 40% delle donne italiane non possiede un proprio conto corrente e la percentuale arriva a toccare il 100% per chi ha un basso livello di scolarizzazione. In questo contesto, un’adeguata alfabetizzazione giuridica e finanziaria aiuta a proteggere anche nei momenti difficili: la conoscenza è senza dubbio uno dei principali strumenti di difesa contro i possibili soprusi; per contro, l’inconsapevolezza e l’incompetenza vengono spesso sfruttate per compiere prevaricazioni e violenze, non solo fisiche, verso le persone più deboli, tra le quali spesso vi sono le donne. Ecco perché diventa importante conoscere per proteggersi e poter disporre di una “cassetta di informazioni e competenze”, che contenga gli strumenti adeguati per affrontare le principali – e a volte cruciali – scelte personali ed economiche, e per evitare errori e danni, che possono permanere nel tempo.

La violenza economica è infatti un tipo di abuso che rende la vittima finanziariamente dipendente e si manifesta con il controllo delle sue risorse finanziarie e la sua esclusione dalle scelte di spesa o investimento, a cui si aggiungono la negazione dell’accesso al denaro o della partecipazione al mondo del lavoro, limitandone di fatto la libertà. Sono esempi di violenza economica anche l’obbligo di fare da prestanome assumendo la carica di amministratore in società di cui la donna non sa o non decide nulla o la richiesta di prestare garanzie per debiti assunti da compagni o mariti trovandosi poi in situazioni di indebitamento per molti anni laddove gli stessi non adempiano alle loro obbligazioni. Così può accadere che dalla violenza economica si arrivi alla violenza psicologica e alla violenza fisica.

Relatori e ospiti dell’evento

L’incontro del 30 maggio, aperto al pubblico, rientra nei 32 eventi organizzati sul territorio nazionale a seguito della sottoscrizione dell’accordo-quadro tra Consiglio Nazionale del Notariato e Banca d’Italia nel 2021 e si articolerà in due momenti: dopo un primo confronto con le Istituzioni, le associazioni e con i Centri antiviolenza locali sulle principali problematiche riscontrate sul territorio, è prevista una sessione formativa curata dai notai Letizia Basso e Andrea Fiorelli Bertoli per presentare la Guida “Conoscere per proteggersi”, che illustra gli istituti giuridici necessari ad affrontare la quotidianità della vita familiare e lavorativa e della gestione finanziaria della famiglia. All’interno della stessa sessione, i dirigenti rappresentanti della sede di Torino della Banca d’Italia Marilena Merlino e Roberto Traini, referente regionale per l’educazione finanziaria, illustreranno gli strumenti messi a punto per promuovere la cultura finanziaria delle donne (a disposizione sul sito web: www.economiapertutti.bancaditalia.it).

All’incontro, aperto dal Presidente del Consiglio Nazionale del Notariato Giulio Biino e moderato dal Consigliere Nazionale del Notariato coordinatrice della Commissione Pari Opportunità Alessandra Mascellaro, porteranno i loro saluti Maurizio Gallo-Orsi, Presidente del Consiglio Notarile dei Distretti Riuniti di Torino e Pinerolo, Gianangelo Rocca, Presidente del Comitato Notarile Interregionale Piemonte e Valle d’Aosta e Roberto Cullino, Vice Capo della sede di Torino della Banca d’Italia. Interverranno inoltre Jacopo Rosatelli, Assessore alle Politiche Sociali e Pari Opportunità del Comune di Torino e Presidente del Coordinamento Contro la violenza sulle Donne, Livia Locci, Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Torino, Liliana Cardone e Carla Montangero, referenti del Centro Antiviolenza della Città di Torino, Anna Clorinda Ronfani, Vicepresidente del Telefono Rosa Onlus, Anna Maria Zucca, Presidente dei Centri Antiviolenza E.M.M.A. Onlus, Patrizia Celotto, Presidente della Casa delle Donne A.P.S. e Marilla Baccassino, Presidente di Unione Donne del Terzo Millennio.

“Il Consiglio Notarile di Torino ha aderito convintamente all’invito del Consiglio Nazionale del Notariato di organizzare questo evento a favore delle donne, che troppo spesso sono vittime di una violenza, non solo fisica ma, sempre più spesso, anche economica. Le uniche difese contro questo tipo di violenza subdola sono la conoscenza e la consapevolezza, che mettono le donne nelle condizioni di scegliere responsabilmente ed evitare errori che potrebbero condizionare pesantemente la loro vita”.
Maurizio Gallo-Orsi, Presidente del Consiglio notarile dei distretti riuniti di Torino e Pinerolo 

“Conoscenze finanziarie di base aiutano le persone ad effettuare scelte economiche più consapevoli, a gestire meglio il proprio bilancio famigliare e a migliorare il proprio benessere. Purtroppo, in Italia il livello di alfabetizzazione finanziaria è basso nel confronto internazionale. Per questo da oltre 15 anni la Banca d’Italia si occupa di educazione finanziaria a favore dei cittadini, con un’attenzione particolare, oltre che per il mondo della scuola, per le categorie più svantaggiate. Poiché numerose indagini evidenziano come le donne abbiano un livello di alfabetizzazione finanziaria più basso, abbiamo realizzato un percorso di educazione finanziaria pensato appositamente per loro, con l’obiettivo di colmare il gap di conoscenze, creare le condizioni per una loro maggiore indipendenza economica e prevenire in questo modo anche i fenomeni di violenza economica. Questo percorso è disponibile sul nostro portale “L’economia per tutti” in una sezione intitolata “Le donne contano”. Il protocollo stipulato nel 2021 con il Consiglio Nazionale del Notariato va in questa direzione, indirizzandosi in particolare alle donne in condizioni di fragilità o prive di adeguati livelli di cultura finanziaria con l’obiettivo di fornire loro gli strumenti più adatti per affrontare le principali decisioni economiche e finanziarie”.
Roberto Cullino – vice Capo della Sede di Torino della Banca d’Italia

“Accolgo con entusiasmo la pubblicazione di una guida che consente alle donne in condizioni di fragilità di conoscere i principali strumenti per poter fare le scelte più giuste con il loro denaro, aspetto importante per la salvaguardia della propria indipendenza economica e del diritto all’autodeterminazione. Privare le donne di questa fondamentale libertà è un atto di violenza intollerabile che lede la dignità delle vittime e i loro diritti inalienabili che le istituzioni pubbliche e private devono tutelare affinché si possa realizzare una parità di genere”.
Jacopo Rosatelli, Assessore ai Diritti e alle Pari opportunità della Città di Torino

La Guida “Conoscere per proteggersi” è disponibile sul sito del Consiglio Nazionale del Notariato a questo link: https://notariato.it/wp-content/uploads/ConoscerePerProteggersi.pdf 

####
Contatto per i media:
Claudio Zitoli, 333-4998968, claudiozi@hotmail.com
Per maggiori informazioni:
Consiglio Notarile di Torino, tel. 011 5627427, email consigliotorino@notariato.it

Condividi
Altri Articoli